Skip navigation

Tag Archives: alternative music

William S. Burroughs & DJ Soul Slinger, The Western Lands

Hakim Bey & Bill Laswell, The Assassins

Allen Ginsberg & Marc Ribot, The Shourded Stranger

Gerard Malanga + 48 Cameras, Leaving New York

Gil Scott-Heron, Winter in America

westernization

continued

while beaks fought

over diamonds

under infrared

generations

how out we are!

of drugs

of endurance

ice splitter beats

breakink every

possible hook

unpredictable

un-sequenced

unbuckled

jealousy party,live!

jealousy party,live!

 

 

Arto Lindsay, illuminated

Sonic Youth,  nyc ghosts & flowers

Antony Coleman, Mayn Yovl

John Zorn, Blues Noel

Jim O’Rourke, ghost ship in a storm

Lydia Lunch, smoke in the shadow

Zeena Parkins & Ikue Mori, Jezebel

Glenn Branca, Light field (in consonance)

 

IMM004

france cartigny , un jour je

sonic youth , nevermind (what was it anyway)

henry threadgill & make a move , don’t turn around

fugazi , sweet and low

p j harvey , send his love to me

francois breut , si tu disais

 

door , station


BLUES FUNERAL è un incantesimo, è una sorta di suadente sortilegio. Abbastanza per non riuscire ad allontanarsi. A distanza di otto anni dal precedente Bubblegum, Mark Lanegan   ritorna per la 4AD con questo album completamente fuoriuscito dalle sue corde con il notevole accompagnamento ,fra gli altri,di Alain Johannes ( chitarra,basso,percussioni e produttore), Jack Iron ( batteria) e Greg Dulli. La copertina è uno scoppio di fiori rosa e rossi su campo nero, il booklet antracite riporta austero i testi e poche altre note. Tutto è davvero affidato alle musiche che arrivano dopo l’apertura.

Blues Funeral è una miscela delle anime speculari di Mark Lanegan,che vale anche come  consuntivo delle sue precedenti avventure musicali: Screeming trees,Queens of the stone age,Gutter Twins,Isobel Campbell…… Chitarre elettriche in libertà si alternano con atmosfere rarefatte, la sua voce è sempre inconfondibilmente arrochita e graffiante, dal timbro pesante con toni e sottotoni bassissimi. Nessun brano è dentro le stesse identiche linee degli altri,cosicché Blues Funeral è come un viaggio fra variazioni e arrangiamenti  intorno alcune suggestioni di fondo. Angeli,cimiteri,pietre tombali,nero su nero,sogni in tecnicolor,animaletti,terra e amore,spirito e spiriti,anime sole e anime accompagnate,impiccati e treni neri, sangue dalle vene e sangue vitale che pulsa,un cielo blu dove volano aerei e uccelli notturni….

Ci sono qui pezzi indiavolati che fanno ricordare il suono di Seattle di venti anni fa(the gravedigger’s song e  riot in my house),ci sono ballard che cullano con essenzialità di storie e di  fraseggi ritmici (st louis elegy e phantasmagoria blues). Altri brani contengono echi non troppo nascosti…di pregevoli sonorità anni ’80,leggibili come tribute di Mark Lanegan al suo personale background di ascoltatore. In un’intervista ha proprio elencato i Roxy Music o i Joy Division nella sua ‘lista dei preferiti’e non ci stupisce affatto. Ma una buona miscela di più differenti elementi vuole sempre una sostanza legante. Allora filo rosso in questo andamento sono accordi blues e  passaggi da consumato song writer.  Nebbie e visioni, nebbie e visioni che non tralasciano l’omaggio ai maestri come in bleeding Muddy Water.

Mark Lanegan resta un amabile stregone che dall’interno copertina si consegna con il volto stravolto e serio di un vecchio saggio sotto tatuate mani femminili intente a tagliargi i capelli. L’ascolto è inarrestabile e riprende se stesso con un grazioso inchino nello stereo.

                                                                  and the dead of winter will cut you quick

                                                                                 these tears are liquor and i’ve drunk myself sick

this is the road,you see

all over the open field

all over the merry sky

actually a playground where

everyone is searching for a trip

a good good one,you know

remember the spiced sorrows

and the little delights

and the ghost cities you have been in

and the ghost cities you’re going to

so scratch the lines

when you blow away the blue

plenty of things fall apart

no longer exist

and whatever happens

this kind of days

they are magicians and travellers

they are pretty cool at all

174_delabre_02

( photo courtesy of Mauro Migoni)